Servizio Famiglia Ecosostenibile

Il Servizio

Il nuovo Regolamento approvato da Contarina Spa riconosce agevolazioni economiche sulla tariffa dei rifiuti urbani alle famiglie in cui vi siano situazioni di disagio sanitario che comportano un’elevata produzione di rifiuto secco non riciclabile, attraverso le seguenti modalità:

1. al richiedente verrà consegnato presso l'Ecosportello uno speciale contenitore per la raccolta della frazione secca residua (pannoloni, sacche, ecc.)
2. l'interessato potrà conferire in tale contenitore solo i rifiuti oggetto della condizione di disagio e collegati alla specifica patologia che determina una anomala produzione di rifiuti.

La tariffa variabile applicata su tale contenitore speciale in relazione agli svuotamenti, sarà corrisposta nella misura di 1/3 dall'utente, 1/3 dal Comune, mentre la parte restante rimarrà a carico del Consorzio Priula, qualora il nucleo familiare abbia un Indicatore di Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.) inferiore a € 18.000,00. Per le famiglie che hanno due persone in situazioni di disagio il limite ISEE sale ad € 36.000,00.

Requisiti

Possono accedere al servizio coloro che:

1. sono residenti nel Comune di Monastier di Treviso;
2. fanno parte di un nucleo familiare costituente utenza domestica;
3. versano in situazione di disagio per condizioni sanitarie, risultante da certificazione medica, quali ad esempio, quelle di seguito elencate: persone incontinenti, dializzate o stomatizzate e che, in ragione di tale situazione, producono maggiori rifiuti;

La domanda

Per presentare la domanda sono necessari:

* certificazione medica che attesti la patologia (rilasciata dal medico di base oppure verbale d'invalidità dove sia esplicitata la patologia che comporta la maggior produzione di rifiuti speciali;
* documento di riconoscimento del richiedente e del dichiarante, se persona diversa dal richiedente.

L'attestazione I.S.E.E. non è obbligatoria al fine dell'ottenimento del servizio, ma la presentazione di un ISEE con importo non superiore ad € 18.000,00, prevede un'agevolazione di 1/3, anzichè del 50%, sulla tariffa variabile degli svuotamenti legati alla patologia.

 

A chi rivolgersi

Per qualsiasi informazione rivolgersi ai Servizi Sociali del Comune